La variabile croce e il suo significato fondamentale

La croce mutevole riguarda il movimento o lo sviluppo innescato dalla conoscenza. Dalla conoscenza (Gemelli), all’applicazione della conoscenza (Vergine), alla comprensione olistica (Sagittario), al servizio altruistico attraverso l’ispirazione e l’intuizione. La conoscenza è stata trascesa nei Pesci.

Il gemello

I Gemelli di solito hanno una profonda conoscenza teorica in numerosi campi del sapere. Il gemello affronta il compito di trasmettere l’utilità della conoscenza e dell’informazione al mondo in modo utile. Qui può essere un autore, un insegnante, uno scrittore, un giornalista, un messaggero, ecc. Prepara la conoscenza in modo che possa essere utile agli altri e che questi abbiano le informazioni necessarie.

Il pericolo è che lui stesso rimanga un teorico, se l’elemento terra non viene in suo aiuto per realizzare anche lui.

La vergine

La Vergine, invece, lo sa per esperienza. Si sforza di realizzare la sua conoscenza teorica testandola nella pratica o acquisendo la conoscenza attraverso la pratica concreta. “Imparare facendo”.

Il pericolo per i nati nel segno zodiacale della Vergine è che non capiscano il tutto (Giove) che servono. Non è sufficiente che qualcosa funzioni, ma dobbiamo capire a quale scopo superiore stiamo alimentando la nostra capacità. La Vergine deve imparare ad andare avanti e non continuare a correre sulla stessa ruota del criceto, perché si è abituata e funziona. Il vergine deve pensare fuori dagli schemi.

Il Sagittario

Il Sagittario trasmette alle persone il quadro generale. Alla conoscenza dei Gemelli viene dato il suo significato, affinché si comprenda il grande contesto e lo scopo per cui dobbiamo lottare. Ora ci stiamo muovendo nella direzione voluta, affinché la conoscenza adempia al suo scopo superiore.

Il Sagittario affronta la sfida di cedere la leadership al cielo (Pesci). Dopo aver imparato tutto (Gemelli), averlo messo alla prova nella pratica (Vergine) e aver compreso il significato e percorso il sentiero (Sagittario), la logica conseguenza è che consegniamo la guida al Cielo, poiché è onnisciente e più saggio di quanto potremmo mai essere se ci affidassimo solo alla nostra conoscenza, che possiamo apprendere attraverso la mente.

Se il Sagittario ha imboccato la strada giusta, diventa il portavoce del cielo o, al contrario, un presuntuoso saputello.

Il pesce

In questo ciclo, i Pesci (governati da Nettuno) sono l’ultimo segno che funziona in opposizione al principio mercuriano della logica e dell’analisi. Non c’è bisogno di analisi, né di comprendere le analogie (Sagittario), ma nei Pesci la conoscenza trova la sua trascendenza attraverso l’intuizione (Nettuno) e l’ispirazione (Nettuno). Il pesce non mantiene il mondo in movimento, ma diventa un tutt’uno con il movimento, riversando ciò che ‘il cielo’ o la sua intuizione gli trasmette. Non vengono alla ribalta né la conoscenza (Gemelli), né il lavoratore che mette in pratica la conoscenza (Vergine), né la causa superiore (Sagittario), ma il cielo si riversa dalle sue fonti (Pesci).

La sfida per il Pesci è che deve essere completamente purificato e disinteressato, fondamentalmente illuminato, in modo da funzionare pienamente e non far fluire attraverso di lui ogni sorta di cose dalle sfere spirituali e astrali nel mondo.